Vertice dell'Organizzazione di Shanghai per la Cooperazione SCO

 

 

L'Associazione per i Popoli Minacciati (APM ) accusa l'Organizzazione di Shanghai per la Cooperazione SCO di provocare gravi violazioni dei diritti umani in Asia centrale e Cina e rafforzare regimi autoritari. Con il pretesto della lotta al terrorismo vengono violate le convenzioni internazionali sui diritti umani, così come viene sistematicamente minata la libertà di espressione, di stampa, di riunione e di credo religioso. La Cina strumentalizza la SCO per ridurre al silenzio i membri della minoranza uigura anche nei vicini stati dell'Asia centrale.

La Convenzione di Ginevra sui profughi, con la sua garanzia di protezione contro la deportazione negli stati persecutori, in Asia centrale è diventata del tutto inefficace. Gli stati membri della SCO si sono messi d'accordo nel deportare immediatamente nel paese di origine tutte le persone sospettate di terrorismo. Le persone che in Cina si battono a favore dei diritti umani per la minoranza uigura , sono considerate dalle autorità come "separatisti" o "terroristi". Quindi gli Uiguri che subiscono persecuzione politica in Cina non possono sperare di trovare protezione negli stati dell'Asia centrale.

Il problema più grande della SCO è un chiarimento sul termine "terrorismo". Ha preso parte alla lotta anti-terrorismo senza mettersi d'accordo su una definizione internazionalmente accettata di "terrorismo". Invece la Cina ha imposto la sua visione del terrorismo alla SCO, che comprende anche il separatismo e l'estremismo religioso. Chiunque in Cina si batte per i diritti delle minoranze o per la libertà di credo religioso è quindi un potenziale terrorista e si espone alla persecuzione e dello stato. Più di due dozzine di rifugiati uiguri negli ultimi quattro anni sono stati deportati dall'Asia Centrale alla Cina per iniziativa della SCO. Molti di loro sono stati poi condannati a morte nel proprio paese. La Cina inoltre fa anche in modo, attraverso la SCO, che i tanti Uiguri che da generazioni ormai vivono in Kazakistan e Kirghizistan, vengano pesantemente limitati relativamente alla libertà di stampa, di espressione e di riunione. Quindi, vi è una cooperazione molto intensa di servizi segreti e forze di sicurezza cinesi per arrivare a tenere sotto pressione anche gli Uiguri che vivono in Asia centrale.

La Cina ha così reso stabile con la SCO , il dominio di regimi autoritari in Asia centrale e allo stesso tempo si è creata, in particolare in Kazakistan, un accesso sicuro alle materie prime a basso costo per le sue industrie e uno sbocco di mercato per la sua economia.

 

 

 

Share
Power by: Arslan Rahman