Uiguri minacciati di espulsione verso la Cina

 

L’Associazione per i Popoli Minacciati (APM) si è rivolta all’Alto Commissario per i Rifugiati dell’ONU Filippo Grandi affinché si adoperi  con il Primo ministro indiano Narendra Modi per l’accoglienza e la tutela di tre profughi uiguri fuggiti dalla Cina. Arrestati nel giugno  2013 nelle montagne del Kashmir, i tre Uiguri sono stati accusati di  essere entrati illegalmente nel paese e di spionaggio e sono stati condannati a 18 mesi di carcere. La maggior parte degli Uiguri non  riesce a ottenere il passaporto dalle autorità cinesi per cui non hanno  alcuna possibilità di entrare legalmente in un altro paese. Dopo aver  scontato la loro pena Abdul Khaliq, Abdul Salam e Adil hanno trascorso  altri due anni in carcere sulla base della discussa legge sulla  sicurezza indiana (Public Safety Act). Nel maggio 2016 il Ministero  degli interni indiano ha ordinato la loro espulsione verso la Cina senza  peraltro aspettare che fosse valutata la loro richiesta di asilo  inoltrata presso il tribunale dello stato indiano di Jammu e Kashmir.

L’APM chiede che i tre profughi vengano accolti per motivi umanitari. La  situazione di molti profughi uiguri è drammatica, soprattutto in Asia.  Per motivi politici ed economici molti paesi asiatici rifiutano l’asilo  politico agli Uiguri oppure hanno iniziato ad espellere i profughi già  presenti sul loro territorio. La Tailandia per esempio, ha annunciato  l’espulsione di 70 profughi uiguri. Tornati in Cina i profughi uiguri  sono in pericolo di vita.

Per l’APM è scandaloso che nonostante le massicce persecuzioni in atto  in Cina contro gli Uiguri i profughi vengano espulsi e rimandati a casa.

Nel giugno 2015 la Tailandia ha rimpatriato 109 Uiguri in Cina. Molti di questi sono stati arrestati all’arrivo, diversi sono stati torturati in carcere e costretti a “confessare” davanti a delle telecamere e qualcuno  è stato condannato a morte.

Fonte . http://www.pressenza.com/it/

 

 

 

 

 

Share
Power by: Arslan Rahman