Distrutte migliaia di moschee nello Xinjiang

 

 

Negli ultimi tre mesi, ovvero da quando è cambiato il segretario locale, nella regione autonoma uigura dello Xinjiang sono state distrutte migliaia di moschee. Secondo investigazioni di Radio Free Asia sarebbero circa 5000 gli edifici sacri fatti abbattere formalmente perché ritenuti vecchi, ma che fonti locali attribuiscono al pugno di ferro con cui Pechino tenta di governare l'area a prevalenza musulmana. Le demolizioni -che hanno interessato sopratutto le città di Kashgar, Aksu e Hotan. 

 

 

 

 

 

 

Share
Power by: Arslan Rahman