Ancora Kuala Lumpur arresta e deporta 29 uiguri in Cina

 

Kuala Lumpur  (AsiaNews/Agenzie) – Sono 29 gli uiguri arrestati in Malaysia. Accusati di essere militanti dello Stato islamico, sono stati deportati in Cina per essere sottoposti a processo. Lo ha riferito ieri il vice primo ministro e ministro degli interni della Malaysia, Ahmad Zahid Hamidi.

Zahid ha dichiarato ai giornalisti malaysiani presenti a Pechino che gli uiguri “sono stati arrestati dopo essere entrati in Malaysia attraverso i Paesi confinanti, utilizzando falsi passaporti”. Egli ha inoltre aggiunto che il successo dell’operazione ha incoraggiato Meng Jianzhu, segretario della Commissione centrale politica e per gli Affari legali del Partito comunista cinese (Pcc), ad assicurare che la Cina fornirà equipaggiamento all’organo anti-terrorismo della polizia malaysiana, il Centro per il contro-messaggio.

 

 

 

 

 

Share
Power by: Arslan Rahman