Il Parlamento Usa contro il peggioramento dei diritti umani in Cina

 

 

 

       ( Il presidente della Commissione esecutiva del Congresso sulla Cina, Senatore Marco Rubio, in un discorso                  presentato alla Commissione in Washington, il 5 ottobre 2017. )

 

Le notizie sui diritti umani in Cina non sono buone, secondo quanto confermato dall’ultimo rapporto annuale pubblicato dalla Commissione esecutiva del Congresso americano sulla Cina. La Commissione ha il compito di monitorare i diritti umani  e l’andamento dello Stato di diritto in Cina, un compito che svolge con un rapporto annuale, ma anche mediante udienze, tavole rotonde e altri progetti speciali.

Con più di 300 pagine, il rapporto di quest’anno è esaustivo e dettagliato e classifica i diritti umani sotto 12 categorie diverse, che spaziano dalla libertà di espressione fino all’ambiente; lo studio della situazione dello Stato di diritto, invece, si divide in altre 4 categorie. Inoltre, il rapporto dedica dei capitoli separati allo Xinjiang, al Tibet, a Hong Kong e Macao.

All’evento che ha annunciato il nuovo rapporto, tenutosi al Parlamento degli Stati Uniti il 5 ottobre, il co-presidente repubblicano, Christopher  Smith, ha dichiarato che la relazione rappresenta un atto d’accusa al regime cinese che «praticamente in qualunque aspetto si osservi si ravvisa un peggioramento».

 

 

 

 

 

Share
Power by: Arslan Rahman