Intervista: la Cina rifugge dal nucleo del problema nello XinIntervista: la Cina rifugge dal nucleo del problema nello Xinjiang

 

La Regione Nord-occidentale della Cina, lo Xinjiang, è stata scossa dalla peggior violenza negli ultimi anni giovedi, quando le esplosioni hanno colpito un mercato di mattina nella capitale regionale Urumqi, uccidendo 31 persone e ferendone 90.

Le autorità hanno intensificato le misure di sicurezza nello Xinjiang in seguito alla violenza, che è venuto su scia di un attacco con bombe e coltelli ad una stazione di Urumqi mese scorso. Rebiya Kadeer, presidente del Congresso mondiale in esilio degli uiguri, ha parlato a RFA circa l’incidente e le tensioni in corso nella regione.

 

D: Qual è la risposta del Congresso mondiale degli uiguri riguardo l’attacco al mercato di Urumqi?

A: Non importa dove accadono, sanguinosi episodi di violenza non sono qualcosa che il World Uyghur Congress vorrebbe vedere. Pertanto, esprimiamo la nostra solidarietà verso tutti coloro che sono stati uccisi e feriti in questo incidente. Ciò che ci fa rammarica è che questi incidenti erano totalmente prevenibili ed evitabili. Ma invece, le politiche [da parte del governo cinese] che hanno incoraggiato e le accresciute tensioni nella regione sono stati moltiplicate ogni anno e ogni mese.

Crediamo che il governo cinese, che non è riuscito a trarre lezioni dagli incidenti passati, si sia rifiutato di esaminare le cause principali dei problemi, e stia facendo una serie di errori, sia l’unico responsabile per tutti questi tipi di incidenti che stanno accadendo nel Turkestan orientale [Xinjiang]. Inoltre, chiediamo al governo cinese di assumersi la piena responsabilità per i morti e feriti.

D: Dalla Cina si chiede di mantenere la stabilità nella regione e prevenire che questo tipo di incidenti si ripeta , possiamo vedere che il governo cinese sta facendo i massimi sforzi per prevenire ulteriore violenza . Tuttavia , non riesce ancora ad evitare tali incidenti . Perché è così?

A : La ragione è che essi sono distanti dalla causa principale del problema . La causa principale del problema è abbastanza semplice : il governo … sta sacrificando interessi di un gruppo etnico in nome degli interessi di un altro gruppo etnico , sopprimendo un gruppo e favorendo l’altro , e non ascolta le istanze dei gruppi vittime , lasciandoli senza canali legali per farsi sentire . In questo tipo di situazione , indipendentemente dalla religione, indipendentemente dall’origine nazionale o razziale o culturale , le loro espressioni delle loro rimostranze prenderanno forma in modo non convenzionale , quindi non si può dire che non ci sarebbero persone che potrebbero propendere per mezzi di violenza .

Non credo che la leadership cinese sia troppo ignorante per vedere questo aspetto del problema . L’errore principale che il governo cinese sta facendo è che è troppo sicuro della sua forza . Utilizzando la sua potenza economica , la Cina vuole mettere a tacere la critica dei paesi occidentali e usando la sua forza militare , vuole trattare con i suoi vicini su questioni di dispute territoriali e le tensioni etniche sul proprio .

Pertanto , invito il governo cinese a riconoscere questi errori e capire che l’uso della forza militare da sola non è la soluzione ai problemi etnici e politici .

Q : La Cina giustifica le sue politiche nella regione dicendo che fanno progredire gli interessi dello Stato e del popolo cinese nella regione. Qual è la sua opinione su questo ?

A : Il governo cinese dice che le azioni [ in nome degli interessi del Paese ] non sono solo per gli interessi del popolo Han . Come tutti sappiamo , il governo cinese non è venuto al potere attraverso elezioni democratiche . Il loro potere non è legale secondo le norme politiche del mondo . Così il governo comunista cinese sta conducendo il suo popolo verso il nazionalismo Han per nascondere i suoi difetti e ingannare il popolo Han . Il popolo cinese non dovrebbe cadere in questa trappola .

I cinesi hanno bisogno di prosperità economica , ma soprattutto , hanno bisogno di sicurezza e dignità umana . Passare alle generazioni future una società piena di odio e di vendetta danneggia il popolo cinese Han , e la pace nel mondo in generale .
Se consideriamo i recenti avvenimenti , sia nella repressione sanguinosa da parte di soggetti statali o le esplosioni di violenza contro di esso , alla fine, coloro che stanno male son per la maggior parte persone comuni , sia cinesi che uiguri . Allo stesso tempo , i vincitori sono funzionari di partito che guadagnano da esso per sostenere i propri guadagni economici.

D: Cosa pensa che le autorità cinesi nella regione dovrebbero fare per calmare le attuali tensioni nella regione?

R: Naturalmente, ci sono molti, molti passi che il governo cinese dovrebbe adottare al fine di correggere la situazione attuale , ma questo non è il momento di discuterne adesso .

Alla luce dell’urgenza della questione , prima di tutto vorrei suggerire che il governo cinese smettesse di usare la retorica infiammatoria che aumenta l’odio etnico . Inoltre , il governo non dovrebbe utilizzare metodi di punizione collettiva imposte sulle famiglie , parenti e talvolta vicini e amici per le azioni di un singolo individuo .

Tutte le informazioni che giustificano la brutalità dello Stato non faranno che aumentare l’attrito etnico ancora di più e porterà a episodi più sanguinosi in futuro . La detenzione e le procedure giudiziarie per quegli individui responsabili devono essere riportati apertamente nei media . Allo stesso tempo , i giudici penali dovrebbero sostenere e mettere in pratica le norme accettate a livello internazionale . Vale a dire che , quando lo Stato cinese adotterà misure idonee a una nazione governata dalla legge, le tensioni potrebbero essere raffreddato un po ‘.

D: Alcuni paesi, tra cui il governo degli Stati Uniti hanno condannato l’ incidente ad Urumqi come il terrorismo. Qual è la sua opinione su questo?

A: Io consiglierei che i governi usassero cautela nell’interpretare le informazioni provenienti dalla Cina, dove è limitata l’ indipendenza dei media, e indaghino sulla causa principale degli incidenti.

Esorto gli Stati a studiare e commentare non solo gli incidenti che sono apertamente segnalati dai media statali, ma anche le tragedie che il governo sta nascondendo e coprendo pure.

Chiedo alle nazioni di tutto il mondo di schierarsi con gli oppressi, non l’oppressore. Esprimere semplicemente cordoglio per le vittime e condannare gli aggressori è inadeguato. L’approccio migliore ad esso è quello di aiutare a risolvere la causa principale del problema. Ancora più importante, sollecitare il governo cinese, invece di basarsi sulla sua forza militare nel risolvere le sue questioni etniche e politiche nazionali, a basarsi sul diritto e la giustizia.

Traduzione di Fabrizio Perini, Laogai Research Foundation

Radio Free Asia,23/05/2014

 

 

 

Share
Power by: Arslan Rahman