Madre del Dolkun Isa, morta in un centro di rieducazione

 

La madre di Dolkun Isa, presidente del  World Uyghur Congress (WUC) con sede a Monaco, è morta mentre era detenuta in un “campo di rieducazione politica” nella regione autonoma dello Xinjiang (XUAR).

 

Il mese scorso Isa ha appreso da una cara amica di famiglia che sua madre, Ayhan Memet, è morta il 17 maggio all’età di 78 anni, ma il presidente del WUC non era certo che fosse stata incarcerata in uno dei tanti “campi di rieducazione politica” dove le autorità hanno arrestato gli uiguri accusati di nutrire pensieri “estremisti” e “politicamente scorretti” dall’ aprile 2017.

Gli uiguri con parenti che vivono all’estero sono spesso presi di mira da questa campagna, e in mezzo a un blocco di informazioni nella regione, molti uiguri in esilio hanno difficoltà a conoscere le condizioni dei propri cari a casa – una situazione resa ancora peggiore per coloro che non possono onorarli con riti funebri secondo le loro tradizioni.

Mentre indagava sulla morte della madre di Dolkun, la RFA ha stabilito che è morta mentre era detenuta in un centro di detenzione nella sua prefettura di Aksu per aver mostrato “estremismo religioso”.

Un funzionario del centro di detenzione della contea di Kelpin (Keping) ha confermato a RFA che era deceduta in un campo di concentramento, ma non era disposto a dire quale, dato che l’informazione era considerata “un segreto di stato”.

Un funzionario del quartier generale della prefettura di Aksu si è rifiutato di commentare, facendo riferimento all’Ufficio di Pubblica Sicurezza dello XUAR.

Un dirigente della stazione di polizia della contea di Kelpin ha affermato che la morte è avvenuta al centro di detenzione n. 2 dove era detenuta da un anno con l’accusa di “estremismo religioso”.
Radio Free Asia è stata in grado di determinare che ci sono almeno quattro centri di detenzione nella città di Aksu e tre a Kelpin, ed i campi di concentramento portano tutti quanti la dicitura “centri di detenzione n.2” e non è quindi chiaro in quale di questi la donna sia stata rinchiusa.

 

 

 

 

 

Share
Power by: Arslan Rahman