Usa, Camera approva "sanzioni a Cina per repressione uiguri". Pechino: "Grave interferenza"

 

Disegno di legge votato nella notte con 407 deputati a favore e uno contrario. Ora dovrà passare al Senato e poi essere firmato da Trump. Pochi giorni fa era stato approvato un provvedimento a sostegno dei manifestanti di Hong Kong che aveva causato la reazione cinese

 

Fermare le violenze contro gli uiguri e chiudere i discussi “campi di rieducazione”. La Camera degli Stati Uniti ha approvato nella notte un disegno di legge che prevede "sanzioni mirate" per le autorità cinesi responsabili di "detenzione arbitraria, tortura e molestie" ai danni dei musulmani uiguri. Il provvedimento va ora al Senato e alla firma del presidente Donald Trump, ma il Pechino ha immediatamente reagito all'iniziativa, giudicandola una "dannosa e grave interferenza".

"La Cina risponderà in base allo sviluppo della situazione e gli Stati Uniti dovranno pagare il prezzo delle proprie azioni", ha commentato il portavoce del ministero degli Esteri della Repubblica popolare Hua Chunying, sottolineando che il disegno di legge americano scredita gli sforzi di Pechino nella lotta al terrorismo e interferisce "gravemente" negli affari interni del Paese. "Le questioni relative allo Xinjiang non riguardano i diritti umani, l'etnia o la religione, ma la lotta al terrorismo e al separatismo". "Esortiamo gli Stati Uniti a correggere immediatamente i propri errori, ad impedire che il suddetto disegno di legge relativo allo Xinjiang diventi legge", ha aggiunto Hua Chunying.

Il disegno di legge "Uighur Human Rights Policy Act 2019", che nomina esplicitamente il segretario del Partito comunista nella regione autonoma dello Xinjiang Chen Quanguo, è stato approvato alla Camera dei rappresentanti, a maggioranza democratica, con 407 voti a favore e uno soltanto contrario, quello del repubblicano Thomas Massie, del Kentucky.

John Sudworth della Bbc ha avvertito che, se entrasse in vigore, la legge "segnerebbe il più significativo tentativo internazionale di fare pressione sulla Cina per la detenzione di massa degli uiguri". Il disegno di legge accusa la Cina di "discriminare sistematicamente" gli uiguri "negando loro una serie di diritti civili e politici, comprese le libertà di espressione, religione, movimento e un processo equo".

 Da anni gli uiguri subisce violenze, abusi e tentativi di assimilazione forzata da parte di Pechino. Il provvedimento Usa segue di pochi giorni la firma da parte di Trump di una legge a sostegno dei manifestanti pro democrazia di Hong Kong, che ha suscitato la ferma condanna della Cina. 

 

 

 

 

 

 

Share
Power by: Arslan Rahman